La soluzione passa quindi alla camera catalitica, dove l’acqua e le sue componenti ossidanti sono esposte ad ambiente riducente a pH elevato. Le componenti ossidanti attive residue sono ridotte e il pH acido dell’Anolyte viene neutralizzato.
Se l’acqua della sorgente è dura, gli ioni OH’ del catholyte reagiscono con gli ioni metallici comuni (Ca++, Mg++, ecc.) e con i metalli pesanti tossici, precipitandoli come idrossidi.
Al termine del processo (cioè un completo passaggio attraverso il sistema), il pH ed il potenziale redox finale dell’acqua saranno molto simili a quelli dell’acqua introdotta.
Quindi nel sistema Envirolyte ECO, il processo ECA è un ciclo chiuso, che in primo luogo fornisce un trattamento Anolyte seguito da un trattamento Catholyte, che distrugge in modo efficace i materiali organici e i batteri presenti nell'acqua. Questo poi neutralizza la soluzione, precipitando gli ioni di metalli e metalli pesanti, se in alte concentrazioni.

Il risultato finale è acqua purificata, libera da microrganismi, con livelli accettabili di mineralizzazione ed un pH (pH = pH dell'acqua in entrata +1) e un potenziale redox (ORP = ORP di acqua in entrata -~300mV) all'interno della gamma dell’acqua "naturale".